Wish it was a coming out – La mostra fotografica su omosessualità e vecchiaia

04.09.19

Wish it was a coming out – La mostra fotografica su omosessualità e vecchiaia

Wish it was a coming out è un progetto a lungo termine che indaga il tabù rappresentato dal connubio tra omosessualità e vecchiaia, a partire da un'esperienza biografica dell'autrice, Melissa Ianniello.
La mostra sarà ospite del SI Fest di Savignano e, oltre la presenza dell’autrice, vedrà anche le presenze della presidente di DGP Maria Laura Annibali e dalla storica esponente del movimento femminista italiano Edda Billi, entrambe appaiono nelle belle foto della mostra.

Wish it was a coming out @ SI FEST Savignano Immagini Festival

VISITA GUIDATA alla presenza dell'autrice:
>>> sabato 14 settembre ore 16.30 <<<
>>> sabato 14 settembre ore 20.30 <<<
>>> domenica 15 settembre ore 15.30 <<<

DOVE? @ Consorzio di Bonifica, via Giuseppe Garibaldi 45 (Savignano sul Rubicone)

>>> INFO & BIGLIETTI: https://www.sifest.it/it/info-biglietti.html 

Ingresso alla mostra (biglietto valido per un solo ingresso): 5€
Pass per accesso illimitato, anche in più occasioni, a tutte le mostre del festival: 15 €;
Prezzo speciale per residenti a Savignano sul Rubicone: 5 €
Biglietto per un singolo accesso a tutte le mostre: 12 €; ridotto (under 25 e over 65) 10 €
Ingresso gratuito per under 12 e possessori Romagna Visit Card

La mostra sarà visitabile anche nei weekend del 21-22 settembre e del 28-29 settembre dalle ore 10.00 alle ore 20.00

Wish it was a coming out è un progetto a lungo termine che indaga il tabù rappresentato dal connubio tra omosessualità e vecchiaia, a partire da un'esperienza biografica dell'autrice. Quando ancora adolescente Ianniello si scopre attratta da altre ragazze, comprende che la sessualità delle persone viene data normalmente per scontata e che se fare coming out risulta un'azione liberatoria, presto svela anche la difficoltà di comunicare ad alcune persone un aspetto della propria identità spesso ancora fonte di pregiudizi: l'autrice si porta dietro per anni il peso di non essere riuscita a raccontare la sua scoperta ai nonni, perdendo l’opportunità di una reciproca conoscenza. Da questa confessione mancata nasce la necessità di riscatto, di un’azione catartica utile a sé e ad altre persone.

In un omaggio indiretto ai nonni, inizia così una ricerca di esperienze di vita di uomini e donne omosessuali tra i sessanta e gli ottant’anni che vogliano condividere le proprie storie personali: sorrisi, affanni, pensieri, amori e desideri, ai quali raramente viene data voce. Queste persone sono ritratte in coppia o sole, all'interno delle proprie case, in una dimensione di autentica intimità.

Partendo da una messa in gioco di esperienze di vita comuni, dell’autrice e dei suoi soggetti, si delinea così uno spaccato delle vite di chi, gay o lesbica nell'Italia di oggi, vive quella fase contraddittoria e affascinante della vita che è l’invecchiamento. Questo lavoro, a partire dalla possibilità di rimediare a quei silenzi che ci portiamo dietro da sempre, parla del desiderio di mettersi a nudo senza rinnegare alcuna parte di sé: il coming out del titolo non riguarda più solo la sessualità ma anche e soprattutto la condivisione intergenerazionale delle proprie esperienze, del proprio vissuto, della propria persona.

Melissa Ianniello (Napoli, 1991) è una fotografa documentaria che vive a Bologna. Dopo la laurea in Filosofia affina la sua formazione fotografica, prevalentemente autodidatta, attraverso periodi di studio tra Bologna e New York con fotografi come Michael Ackerman, Carolyn Drake, Erica McDonald e Davide Monteleone. La sua ricerca artistica si focalizza su due aspetti principali: il ruolo dell'individuo nella metropoli contemporanea e le tematiche legate al genere e alla sessualità. Per due volte (2013, 2017) viene selezionata tra i vincitori della Call For Artist annuale del festival internazionale Cheap – Street Poster Art. Nel corso del 2018 dà inizio al lavoro a lungo termine “Wish it was a coming out” col quale vince il Premio SIFEST Lanfranco Colombo e arriva finalista al Premio Pesaresi, al Premio Voglino e al Portfolio Italia – Gran Premio Lumix.

Di seguito l'elenco dei protagonisti e delle protagoniste del progetto, senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile. A ciascuno e ciascuna di loro un ringraziamento profondo e tanta riconoscenza:

Maria Laura Annibali e Lidia Merlo (Lazio)
William Belli e Vittorino Panzani (Trentino-Alto Adige)
Edda Billi (Lazio)
Pina Capizzo (Sardegna)
Bruno Casini (Toscana)
Umberto Davini (Toscana)
Lia D'Urso e Lara Elia (Sicilia)
Pasquale Ferro (Campania)
Paola Fognani e Stella Marchi (Lazio)
Monica Maestri e Ornella (Trentino-Alto Adige)
Gianni Manetti e Victor Palchetti-Beard (Toscana)
Paolo Melato (Roma)
Anna Palla (Sardegna)
Anna Paolucci e Marisa (Lazio)
Silvano Patacca (Toscana)
Gianni Picciotto (Umbria)
Michele Poli (Trentino-Alto Adige)
Beppe Ramina (Emilia-Romagna)
Gianni Reinetti (Piemonte)
Giovanni Rodella e Matteo (Toscana)
Roberto Tavazzi (Umbria)
Zeno Zappi e Massimo Coralli (Emilia-Romagna)
Marinella Zetti (Lombardia)
Roberto e Ali (Emilia Romagna)