Nel suggestivo Teatro di Documenti 'Comunismo, addio?'

21.10.17

Nel suggestivo Teatro di Documenti 'Comunismo, addio?'

Biglietti scontati per soci e simpatizzanti di DGP a 10 euro. Al botteghino basterà chiedere lo sconto per l'aasociazione DGP.
Al Teatro di Documenti (via Nicola Zabaglia, 42) dal 26 al 29 ottobre, dal 2 al 5 novembre COMUNISMO, ADDIO?, scritto e diretto da Stefania Porrino.

Video di Valerio Ziccanu Chessa. Luci di Paolo Orlandelli. Public relation Maria Laura Annibali. Con Nunzia Greco, Evelina Nazzari, Alessandro Pala Griesche, Carla Kaamini Carretti e con la partecipazione di Giulio Farnese. Alla chitarra Giuseppe Pestillo. In collaborazione con Centro Studi “Vera Pertossi”. Premio Donne & Teatro 2007.

L’azione si svolge durante una piacevole crociera sul fiume Dniepr, in Ucraina. L’incontro-scontro con alcuni turisti, prototipi di una destra qualunquista e convenzionale, si trasforma per la protagonista, Stefania (interpretata da Evelina Nazzari), in un’occasione per ricordare e rivedere, con gli occhi disincantati di adulta, tutta la propria formazione politica di sinistra: dagli anni della adolescenza, vissuti con passione nel liceo romano “Giulio Cesare”, attraverso il periodo della delusione e del distacco dall'impegno politico, fino al recupero del senso più profondo della militanza giovanile e dei valori - sempre validi - che avevano determinato le scelte iniziali. Alla storia della protagonista si intreccia quella di una guida turistica di origine tartara, Lidija (interpretata da Nunzia Greco), che con la sua esperienza diretta di vittima staliniana, offre spunti dialettici alle riflessioni finali di Stefania: davvero dobbiamo dire definitivamente addio al comunismo?… I tre turisti che hanno la funzione di sollecitare l'amarcord politico della protagonista sono impersonati da Giulio Farnese, Alessandro Pala e Carla Kaamini Carretti. Lo spettacolo si avvale anche di elementi multimediali: Giuseppe Pestillo, alla chitarra, farà rivivere le canzoni degli anni ’70 mentre le immagini video di Valerio Ziccanu Chessa daranno vita ai ricordi delle due protagoniste. Il testo, pubblicato in Donne e Teatro 2007, Edizioni Borgia, Roma, 2007 e nella Collana Teatro Italiano Contemporaneo a cura della SIAD, Bulzoni, Roma, 2008, ha ricevuto il Primo Premio Donne e Teatro 2007 con la seguente motivazione della Giuria presieduta da Franca Angelini: “...il tema, noto al nostro cinema, ma inedito nella drammaturgia italiana, è trattato con grande leggerezza e senza eccessi di sovraccarichi narrativi. Agili i dialoghi, notevoli le psicologie dei personaggi. Copione di ampio respiro.” A dieci anni dalla pubblicazione, lo spettacolo va in scena, al Teatro di Documenti, in occasione di un importante anniversario: i 100 anni dalla Rivoluzione russa, un evento che, con le sue ombre e le sue luci, è stato uno dei fattori principali della storia del Novecento e con il quale, se si vuole immaginare e costruire un nuovo progetto politico per un futuro più giusto e solidale, è necessario fare i conti ancora oggi, pur con lo sguardo distaccato ed equanime che la distanza storica consente.

NUNZIA GRECO, ha frequentato il Corso di formazione dell'attore, Teatro Stabile di Torino. Ha recitato in numerosi spettacoli, quali: L'alcalde di Zalamea, Romeo e Giulietta, Giovanni Episcopo, Il feudatario, I due gemelli veneziani, A porte chiuse, Re Lear, La dodicesima notte, Corruzione a Palazzo di Giustizia, Ricorda con rabbia, Il re cervo, La 16 bottega del caffè, Salomè, Testamento di sangue, Jimmy Dean Jimmy Dean, Arancia meccanica, Il mercante di Venezia, La trilogia della villeggiatura, Il cerchio di gesso del Caucaso, L'amore delle tre melarance, Andromaca, La famiglia dell'antiquario, diretta da Trionfo, Scaparro, Merlo, Zucchi, Salveti, Sequi, Mauri, Giordano, Cherif, Venetucci, De Fusco, Besson, Pasqual. Intensa l'attività televisiva: I tre operai e Il compagno, regia di Citto Maselli, Governante di Albertazzi, La zia di Carlo dei fratelli Frazzi, Avvocati di Ferrara, Vivere, La squadra, Piccolo mondo moderno di Danza, Un eroe del nostro tempo regia di Scivazappa. È stata voce recitante in L'histoire de Babar di Poulenc e ha partecipato a numerosi sceneggiati radiofonici, commedie e monologhi tra i quali Molly Bloom di Joyce. EVELINA NAZZARI, dopo aver frequentato lo Studio Fersen debutta nel ruolo di Rossana in Cyrano de Bergerac, con regia di Scaparro. Ha lavorato in cinema, televisione e soprattutto nei principali teatri italiani accanto a Pino Micol, Alida Valli, Carlo Giuffrè, Martine Brochard, Ottavia Piccolo, Duilio Del Prete, Arnoldo Foà, Ileana Ghione. Tra le sue interpretazioni, La deposizione di Hélène Pedneault, presentato al festival di Avignone, e il ruolo protagonista in Maria Antonietta di Stefania Porrino. Ha interpretato novità assolute e grandi classici, Goldoni (Il bugiardo), Albee (Chi ha paura di Virginia Woolf?), Cechov (Il giardino dei ciliegi, Zio Vania), Wilde (Un marito ideale), Ibsen (Casa di bambola), Giraudoux (La guerra di Troia non si farà), senza trascurare autori più “leggeri”, (Neil Simon, Fenwick).

STEFANIA PORRINO, laurea in Lettere alla Sapienza e diploma in Pianoforte al Conservatorio “S. Cecilia”, dal 1980 si dedica alla regia. Dopo aver frequentato il Corso di Drammaturgia di Eduardo De Filippo nell''82, si rivolge alla scrittura teatrale. È docente di Arte Scenica e di Regia del Teatro Musicale presso il Conservatorio di Frosinone. Ha firmato una trentina di testi quasi tutti premiati e pubblicati, andati in scena a Roma (Argentina, Palladium, Ghione, Sala Umberto, Politecnico, Satiri, La Cometa, Cometa off, Teatro di Documenti, Dei Conciatori, Tordinona, Agorà, Anfitrione) in Italia e all’estero. Ha scritto sceneggiature per la Rai. Debutta nella narrativa con Il romanzo del Sentire - da Atlantide a noi, Ed. Bastogi. Nel Direttivo Siad dal 2006, collabora a Ridotto. Nel 2013 pubblica con il patrocinio del Conservatorio di Frosinone Teatro musicale - Lezioni di regia Libreria Musicale Italiana. Tra i prefatori dei suoi testi teatrali: Vittorio Gassman, F. Rame, W. Pedullà, C. Quartucci, F. Angelini, M. Boggio, A. Nicolai, G. Antonucci, L. Menapace.