Celebration Day: grande festa in Campidoglio

25.05.15

Celebration Day: grande festa in Campidoglio

Una grande giornata per Roma e un momento di straordinario significato per la comunità LGBT di tutta Italia. Finalmente anche nella Capitale le unioni civili sono nero su bianco: 17 splendide coppie, sia omo sia eterosessuali, in Campidoglio hanno visto per la prima volta riconosciuto pubblicamente il proprio amore. 

Una grande giornata per Roma e un momento di straordinario significato per la comunità LGBT di tutta Italia. Finalmente anche nella Capitale le unioni civili sono nero su bianco: 17 splendide coppie, sia omo sia eterosessuali, in Campidoglio hanno visto per la prima volta riconosciuto pubblicamente il proprio amore. L'introduzione del Registro delle Unioni Civili a Roma rappresenta un traguardo fondamentale,  dal punto di vista simbolico e non solo: da ora in poi non si potrà più tornare indietro, è tempo che anche il Parlamento affronti il tema dei diritti, senza timori e senza ideologie. Ci complimentiamo con tutte le 17 coppie, ma in particolare facciamo i nostri auguri – con grande affetto e una punta di commozione –  a Danilo Martarelli, vicepresidente dell’associazione Di’ Gay Project, che in questa bellissima giornata si è “unito civilmente” al suo compagno.Ringraziamo ancora una volta tutti i consiglieri comunali che hanno sostenuto e votato il Registro delle Unioni Civili, a cominciare da Imma Battaglia, che, insieme agli altri firmatari della delibera, si è spesa con grande energia sin dall'inizio del suo mandato per questa conquista di civiltà. La strada verso la piena uguaglianza è ancora lunga, ma abbiamo fatto un primo passo avanti, mentre dall’Europa arrivano notizie straordinarie: paesi che fino a pochi anni fa perseguivano penalmente le persone omosessuali oggi approvano a larga maggioranza il matrimonio egualitario. Un vento d’Irlanda soffia sull’Italia e stavolta il Governo non potrà voltarsi dall’altra parte!

Maria Laura Annibali

Presidente Di' Gay Project